Costruiamo il tuo futuro

Un recente studio1 fotografa con precisione l’impressionante progressione dell’utilizzo del Pubblico Privato nel nostro Paese.

Un vero e proprio boom a livello nazionale e locale che vede il mercato dei PPP passare dai circa 300 bandi del 2002 agli oltre 3.000 del 2016, muovendo, negli ultimi 15 anni 88 miliardi di risorse, pari al 22,1% del valore complessivo delle gara per opere pubbliche del periodo.

Un mondo variegato che spazia dalle poche grandi competizioni nazionali per opere ed infrastrutture strategiche alla miriade di gare soprattutto locali di importo relativamente modesto, ma che impattano enormemente sulla vita dei cittadini in quanto riguardano impianti sportivi, scuole, cimiteri, ecc.

Si registra, difatti, che solo l’1% dei bandi di PPP super singolarmente il valore dei 50 milioni di euro, che però rappresentano il 67% del valore complessivo economico.

Ciò significa che il 99% dei bandi capitalizza il restante 33% del valore del mercato dei PPP, il che pone (anche) un problema di qualità delle procedure il cui costo, ovviamente, deve trovare spazio nel Quadro Economico dell’Investimento.

Il tema centrale è quindi quello di trovare una metodologia diffusa di qualità delle procedure di PPP, mettendo a fattor comune le best practices del settore per abbassare il costo complessivo delle operazioni: questo è anche lo scopo per il quale è nata la nostra Associazione, cioè quello di sollecitare le istituzioni e gli esperti per ottenere certezze nell’applicazione delle procedure di PPP.

Del resto quello del PPP è un mercato imprescindibile per costruire il futuro del nostro Paese ove tra il 2008 e il 2016 gli investimenti pubblici sono calati del 27% per circa 13 miliardi di euro e quelli privati per quasi 58 miliardi di euro, pur rappresentando, con un valore complessivo di circa 260 miliardi all’anno, l’86% del valore complessivo degli investimenti del nostro Paese.

Se a questo (inquietante) quadro complessivo aggiungiamo l’informazione che solo il 2,1% della Spesa Pubblica complessiva è destinato agli investimenti, risulta ancor più chiaro che solo con un forte spinta dell’utilizzo del PPP si potrà costruire un futuro moderno e con infrastrutture adeguata alle ambizioni nazionali ed alla nostra prestigiosa storia economica ed imprenditoriale.

Attrarre capitali, nazionali e stranieri, si fa solo con regole chiare, trasparenti e la certezza del diritto: questo il primo passo per diventare veramente grandi in Europa e nel Mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *